AGEA - Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura

Ministero dell Politiche Agricole, Alimentari e Forestali

Unione Europea

"Campagna finanziata con il contributo della Unione Europea e dell'Italia"
"Reg. Cee 867/08 modificato dal Reg. Ue 122/11 Attività E Azione B
Sito internet finalizzato alla diffusione dei dati riguardanti le attività B, C, espletate dall'Apolc"

PROGRAMMA AI SENSI DEL REG CE 867/08 MODIFICATO DAL REG UE 1220/2011

L'APOLC ha elaborato per il periodo triennale 01/04/2012-31/03/2015 il presente programma a carattere collettivo riguardante le attività del settore oleicolo.
Gli interventi inseriti nel progetto esecutivo sono quelli previsti dall'art. 5 del Reg. CE 867/08 modificato dal reg. ue 1220/2011 e dal Decreto attuativo del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali n. 008287 del 22 dicembre 2011 e più precisamente:
Attività B - Miglioramento dell'impatto ambientale, azione B
Attività C - Miglioramento della qualità della produzione dell'olio di oliva e di olive da tavola, azione a; azione f;
Attività E - Diffusione di informazione sulle attività svolte dalle organizzazioni di operatori ai fini del miglioramento della qualità dell'olio di oliva e delle olive da tavola, azione b.

L'attività progettuale attinente l'attività B azione b è diretta sia ai soci delle stazioni che hanno aderito al programma quanto anche ad altri soci produttori olivicoli delle aree omogene della provincia di Catanzaro e Vibo Valentia (a mezzo diffusione dati). L'attività B azione B riguarda la diffusione e l'applicazione pratica del disciplinare di buone pratiche agricole per l'olivicoltura finalizzato all'ottenimento della produzione integrata, già adottato con il precedente programma.

Detto sistema di coltivazione sarà diffuso sia alle aziende olivicole prescelte che hanno aderito al programma quanto ad altri soci dell'APOLC.

Il disciplinare indica tecniche di produzione più adeguate per il miglioramento dell'impatto ambientale e prevede la sorveglianza delle operazioni nel corso del processo produttivo delle seguenti fasi:

  • Difesa fitosanitaria, concimazione, gestione del suolo, controllo delle erbe infestanti, potatura, raccolta, trasporto e stoccaggio delle ulive, molitura delle ulive, conservazione dell'olio.

È necessario attuare le predette attività per limitare il ritorno dei produttori olivicoli al sistema di olivicoltura tradizionale (difesa fitosanitaria a calendario, lavorazione del terreno numerose, concimazioni errate etc).

L'applicazione di tale tecnica colturale (produzione integrata), già attuata nel precedente programma dai soci dell'APOLC, ha consentito l'espansione della sua applicazione ad un rilevante numero di ulivicoltori delle aree di riferimento, per cui occorre proseguirla per renderla tecnica colturale ordinaria.

Tale tecnica colturale contribuirà a ridurre in modo considerevole il numero di trattamenti antiparassitari, migliorando l'ambiente, la sicurezza alimentare per i consumatori; inoltre la riduzione delle lavorazione del terreno ha contribuito a ridurre l'erosione dei terreni; tramite l'applicazione del sistema di produzione integrata si limiteranno le concimazioni minerali riducendo l'inquinamento delle falde acquifere e limitando la sterilizzazione del terreno.

L'atività C interessa l'azione a) ed f);
L'azione a prevede i seguenti interventi:

  • Il miglioramento delle condizione di coltivazione in tutte le fasi del ciclo produttivo dell'ulivo e connessa assistenza tecnica e monitoraggio del ciclo produttivo;
  • La diffusione dell'impiego di mezzi ed attrezzatura per la raccolta delle ulive da concedere in comodato d'uso a fine dimostrativo;
  • Il miglioramento del trasporto, consegna e immagazzinaggio delle olive al frantoio entro le 24 dalla raccolta con contenitori (bins).

L'azione F prevede la formazione di assaggiatori per l'analisi sensoriale dell'olio di oliva vergine.

L'attività progettuale E azione b) prevede la creazione e gestione di un sito internet in cui verranno immesse tutte le attività espletante nell'ambito del programma da diffondere ai produttori olivicoli e ai consumatori ai fini della conoscenza della produzione di qualità e tutela della salute dell'uomo.

Le stazioni dei soci aderenti, localizzate e monitorate, nonché degli altri soci interessati alle diverse azioni del progetto rappresentano punti pilota e di riferimento per tutti gli olivicoltori ai fini dell'applicazione del sistema della lotta guidata e produzione integrata.