AGEA - Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura

Ministero dell Politiche Agricole, Alimentari e Forestali

Unione Europea

"Campagna finanziata con il contributo della Unione Europea e dell'Italia"
"Reg. Cee 867/08 modificato dal Reg. Ue 122/11 Attività E Azione B
Sito internet finalizzato alla diffusione dei dati riguardanti le attività B, C, espletate dall'Apolc"

RACCOLTA, TRASPORTO E STOCCAGGIO

Il periodo della raccolta varia soprattutto in funzione dell'altitudine e della cultivar. Per la Carolea inizia sin dalla fase della preinvaiatura, nella seconda metà di ottobre, e si conclude entro il 31 gennaio, mentre per la coltivazione ottobratica si può arrivare anche a fine marzo. La raccolta ritardata pro voca nell'olio diversi inconvenienti così riassumibili:

  • minore profumo;
  • maggiore acidità;
  • minore resistenza all'irrancidimento e quindi minore conservabilità;
  • possibilità di attacchi tardivi di mosca;
  • perdita di prodotto per cascola;
  • accentuazione dell'alternanza di produzione.

Anche le modalità di raccolta delle olive si riflettono sulla qualità dell'olio, raccogliendo le olive da terra è del tutto improbabile ottenere olio con caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche apprezzabili. Ciò perché, a prescindere dal contatto con il terreno, superabile con l'uso delle reti, le lesioni provocate dalle cadute innescano processi ossidativi e lipolitici con conseguente aumento del numero dei perossidi e dell'acidità dell'olio. Inoltre la caduta naturale dell'oliva avviene ad opera di attacchi parassita ri o in presenza di frutti stramaturi; di conseguenza la drupa risulta già alterata nelle sue proprietà chimiche ed organolettiche, rispetto ad un'oli va raccolta al giusto grado di maturazione.

L'utilizzo delle reti prevede invece una raccolta rapida del frutto che deve essere avviato alla molitura nel più breve tempo possibile. È comunque auspicabile effettuare la raccolta meccanica con gli scuo titori perchè, tale sistema, riduce al minimo la permanenza della drupa sul terreno e consente l'ottenimento di olio di qualità nonchè l'abbassamento dei costi di produzione.

Nel caso di alberi di notevoli dimensioni, con chioma voluminosa ed espansa, occorre procedere alla ristrutturazione delle chiome delle piante per consentire la raccolta meccanica.

Il trasporto delle olive al frantoio deve essere eseguito utilizzando cassoni o cassette a pareti rigide e fessurate. E assolutamente sconsigliato l'uso di sacchi, o peggio, l'ammasso delle olive alla rinfusa sui cassoni degli autocarri. Le olive, una volta raccolte, vanno poste in recipienti fessurati, sistemati in luogo fresco e ventilato e molite entro 24-48 ore al massimo.

pagina 10  11  12  13  14  15  16  17